Aurelio Menozzi & R.

La “Menozzi De Rosa 1836” è una delle aziende più storiche del settore dolciario essendo presente sul mercato dal 1836. I loro prodotti a base di liquirizia sono conosciuti orami da anni, specialmente quelli con il marchio De Rosa oltre al famoso marchio TABU’. Ad oggi l’azienda è gestita dalla terza generazione della famiglia Menozzi che divenne proprietaria del marchio De Rosa nel 1950. La qualità ed il rispetto della tradizione sono sempre stati importanti per la produzione. Anche se la tecnologia e le più moderne leggi impongono uno standard industriale diverso da una volta, una delle finalità dell’azienda rimane sempre continuare a produrre con la qualità, le tradizioni ed il gusto di una volta. La produzione si è svolta, fino al 2004, in un convento domenicano dei primi del 1500 sito in Atri, paese ricco di storia e cultura in provincia di Teramo. Oggi la nuova produzione trova allocazione in un modernissimo opificio studiato in base alle più moderne tecnologie e nel massimo rispetto dell’ambiente circostante sito nella zona industriale di Atri. Il business principale sono i derivati industriali: polvere, blocchi e pasta di liquirizia utilizzati dalle più importanti aziende dolciarie italiane e straniere.

La produzione

Nel tempo l’aziendasi è anche molto diversificata: oltre ai classici dolciumi a base di liquirizia (purissima, elastica, ripiena, rotelle, mentine, etc), l’azienda produce derivati per gli usi più diversi. Un semilavorato molto importante per l’azienda è, ad esempio, la stecca di liquirizia per il gelato per molte delle più importanti aziende Italiane ed Europee che producono il sorbetto con lo stecco di liquirizia. Altri derivati trovano impiego nelle industrie: farmaceutiche e della cosmesi (produzione di un acido con blando effetto cortisonico o dolcificanti molto più potenti del saccarosio) nelle distillerie (polveri e blocchi di liquirizia concentrata per grappe e amari), industrie del tabacco (la polvere di liquirizia viene usata nella concia del tabacco), perfino nelle industrie che lavorano l’alluminio si utilizza la polvere di liquirizia come antiossidante. Anche il settore dell’export è molto esteso: i prodotti finiti sono venduti principalmente in Europa e Stati Uniti anche se forniture spot sono state effettuate in Australia. Nuova Zelanda, Brasile, Caraibi, etc. I prodotti industiali, che formano la maggior parte del fatturato estero, vengono venduti in Francia, Spagna, Regno Unito ma sopratutto Germania che rimane un paese fondamentale per il settore export. La presenza sul territorio Europeo è costantemente rinnovata tramite fiere specializzate e di settore. Annualmente l’azienda partecipa anche ad un’importante fiera del food che si svolge a New York nei primi di Luglio.- Il continuo sviluppo di nuovi prodotti e progetti è alla base di una continua evoluzione per un azienda che si è ritagliata una fetta in un mercato molto vasto fatto di grandi multinazionali.